Silvia Vallerani

silvia vallerani

Presidente

Silvia Vallerani nasce a Marsciano (PG) il 27 Febbraio 1989. Fin da bambina studia musica, in particolare il pianoforte. Durante gli anni delle scuole superiori intraprende lo studio del canto e si avvicina al teatro. A 22 anni si trasferisce a Roma per iniziare il percorso triennale presso l’accademia di arte e spettacolo Star Rose Academy, dove approfondisce materie quali il canto, la recitazione e la danza. Partecipa con la compagnia dell’accademia a vari spettacoli teatrali e musical. Terminato il percorso accademico collabora per due anni con il gruppo musicale Soul Vibes, di cui è voce solista. Nello stesso periodo fonda, insieme ad alcuni compagni di accademia, l’associazione di promozione culturale heArtinMind, con cui porterà in scena due spettacoli. Nel 2016, diretta da Valter Casini, interpreta Aida nel musical “La Buona Novella”. La particolare intesa artistica con Giulia Corradi, consolidatasi nei due anni di lavoro con heArtinMind, la porta a creare M.A.S.C., Movimento Artistico SocioCulturale, di cui è Presidente. A Novembre 2017 M.A.S.C. approda nel carcere di Rebibbia con l’anteprima nazionale di “Cambiamo Camicia”, progetto teatrale inedito contro la violenza, la discriminazione di genere e il bullismo, che porterà anche in altri teatri italiani e divulgato ad oggi. A gennaio 2018 collabora con l’associazione Differenza Donna al progetto “Change Now”, laboratorio di alfabetizzazione ai diritti delle donne finanziato dal Garante dei Detenuti del Lazio ed effettuato presso il CPR – Centro di Permanenza per il Rimpatrio – di Ponte Galeria. Lo scorso 1° Giugno a Perugia – nell’ambito del Festival UmbriaMico di Tamat NGO finanziato dall’Agenzia Italiana Cooperazione e Sviluppo AICS – veste i panni di Heba in “Madri di”, progetto teatrale inedito sul conflitto israelo-palestinese che trae ispirazione dalla Marcia per la Pace organizzata dal  movimento civile pacifista Women Wage Peace. Pone particolare attenzione alle collaborazioni e propone un teatro capace di mescolare stili e linguaggi, volto ad arricchire chiunque ne faccia esperienza.